IL DISCENDENTE DI MONTEZUMA HA STRETTO LA MANO A QUELLO DI HERNAN CORTES


DI ANDREA CARNINO

L’8 novembre 2019, 500 anni dopo l’incontro tra l’Imperatore azteco Montezuma e il conquistatore spagnolo Hernán Cortés, i loro discendenti si sono stretti la mano; l’incontro è avvenuto davanti al murales che celebra quello avvenuto 500 anni prima.

Federico Acosta, messicano che discende da una figlia dell’Imperatore e Ascanio Pignatelli italiano che discende da una figlia di Hernán Cortés, si sono abbracciati.

Il discendente dell’esploratore ha pronunciato le seguenti parole: “Voglio chiederti perdono per tutte le cose brutte che sono successe” e Federico Acosta ha controbattuto: “Dobbiamo lasciare il passato alle spalle”.

Il discendente dell’Imperatore ha inoltre affermato che la Spagna non deve chiedere scusa in quanto ora spagnoli e messicani sono una grande famiglia; queste parole però non sono state gradite all’attuale Presidente del Messico, il quale crede invece che  il Re di Spagna ed il Papa dovrebbero scusarsi umilmente per gli abusi commessi durante la conquista e il dominio coloniale.

Fino agli anni ’30 i discendenti del grande Imperatore ricevevano una pensione dal Governo messicano

Un nipote di Montezuma era stato portato da Filippo II in Spagna e li ha sposato Francisca de la Cueva de Valenzuela: da lui discendono i Duchi di Moctezuma de Tultengo.

Ma dal Sovrano azteco discendono anche i Duchi d’Alba e molti altri nobili spagnoli.

Da sinistra il discendente di Montezuma e quello di Cortes