200 ANNI DIMENTICATI


200 ANNI DIMENTICATI


Siamo vivendo un momento tragico per la presenza tra noi di una malattia contagiosa che ci rende tutti possibili vittime. Comprensibile che si parli di questo, ma la vita deve continuare e,  per guardare avanti con fiducia,  dobbiamo essere consapevoli che alle nostre spalle abbiamo una storia da non dimenticare. 

Oggi è una giornata come le altre, ma, guarda caso, 200 anni or sono nasceva a Torino quello che sarebbe diventato Re Vittorio Emanuele II, Padre della Patria – primo Capo di Stato dell’Italia unita. 

Domando: possibile che nessun rappresentante  delle nostre Istituzioni repubblicane ricordi questo evento? Senza il Re Vittorio Emanuele II oggi il Presidente Mattarella non sarebbe il 17° Capo di Stato dell’Italia unita. Coronavirus a parte, senza fanfare, senza corazzieri, una visita al Pantheon o al Vittoriale, anche senza corone, sarebbe stata la  dimostrazione di un popolo che non rinnega nulla del suo passato e che promette di continuare a tenere alto il concetto di unità per il progresso della Nazione. 

A meno che qualcuno abbia   guardato la smorfia napoletana ..e il 17!!!!

Rimini, 14 marzo 2020


Giovanni RUZZIER