Domenica 30 gennaio 2022, Re Abd Allāh II di Giordania compie 60 anni.

Nato ad Amman il 30 gennaio 1962, il Monarca è figlio di Re Hussein (1935-1999) e della sua seconda moglie Antoinette Avril Gardiner (1941 – vivente).
Sua mamma, di nazionalità britannica, non portò mai il titolo di Regina in quanto è di discendenza ebraica e non volle mai convertirsi all’Islam. Le fu comunque concesso di portare il titolo di Principessa ed il trattamento di Altezza Reale. Impalmando il Re prese il nome di Muna al-Husayn. 

Hussein e Muna ebbero quattro figli: 

  • Abd Allāh, nato nel 1962
  • Faysal, nato nel 1963
  • I gemelli ʿĀʾisha e Zayn, nati nel 1968

Abd Allāh alla sua nascita non era Principe Ereditario, in quanto il trono sarebbe dovuto andare allo zio Hassan. Frequentò una scuola elementare islamica nella capitale Amman, per poi proseguire gli studi alla St. Edmund's School in Inghilterra; nel 1980 iniziò a frequentare la prestigiosa Royal Military Academy Sandhurst, militando nell’Esercito di Elisabetta II con il grado di cadetto e poi di colonnello. Due anni dopo seguì un corso sulla politica nel Vicino Oriente all’Università di Oxford e nel 1987 conseguì un master in Relazioni internazionali presso l’Università di Georgetown, a Washington D.C.

Il 10 giugno 1993 sposò la palestinese Rāniyā al-ʿAbd Allāh, dalla quale ebbe quattro figli: 

  • il Principe Ereditario Hussein, nato il 28 giugno 1994
  • la Principessa Iman, nata il 27 settembre 1996
  • la Principessa Salma, nata il 26 settembre 2000
  • il Principe Hashem, nato il 30 gennaio 2005

Nel 1999 Re Hussein, prima di morire, nominò a sorpresa il figlio Abd Allāh Principe Ereditario, il quale negli anni ’90 occasionalmente assumeva la reggenza mentre il padre era in visita all’estero. 

Il 7 febbraio 1999 Hussein morì e Abd Allāh salì al trono, portando una nuova luce nel regno. Si è sempre adoperato per il mantenimento della stabilità giordana ed è noto per la promozione del dialogo inter-religioso e una comprensione moderata dell'Islam. Pur fra mille difficoltà dovute all'instabilità della regione, il Sovrano riuscì a mantenere un elevato grado di stabilità del suo regno all'interno del frastagliato quadro politico del Vicino Oriente. Per stimolare l'economia e migliorare il tenore di vita della popolazione, avviò da subito un aggressivo programma di liberalizzazione economica. Durante il suo regno riuscì ad attrarre investimenti stranieri e migliorare i partenariati pubblico-privato; favorì inoltre lo sviluppo settore della tecnologia dell'informazione e delle comunicazioni. Il Re istituì premi per incoraggiare la buona cittadinanza, la forma fisica, l'eccellenza nelle prestazioni e la trasparenza del Governo. Per combattere la disoccupazione istituì il Consiglio nazionale per la formazione professionale ed un comitato per sviluppare una strategia nazionale per lo sviluppo delle risorse umane al fine di produrre una forza lavoro qualificata. 

Il Paese è  diventato inoltre una nota meta turistica. 

Sua moglie Rania si batte ogni giorno per migliorare la condizione delle donne in Giordania e in genere in tutti i Paesi islamici. E’ stata una dei primi personaggi pubblici a scendere in prima linea nella lotta all'Isis, definendo il movimento un traditore degli ideali islamici e schierandosi contro ogni forma di estremismo. Rania è stata inoltre definita una delle Regine più belle dell'ultimo secolo.

Il 28 novembre 2004 il Re nominò il suo primogenito Erede al trono, a scapito del fratellastro Hamzah, figlio di Re Hussein e della quarta moglie Nūr.  

Nell’aprile 2021 Hamzah tentò un Colpo di Stato, per fortuna senza riuscirci.

Abd Allāh è un lontano parente di Re Faisal II dell’Iraq, ucciso durante il brutale Colpo di Stato del 14 luglio 1958: all’indomani della Prima Guerra Mondiale il secondo ed il terzo figlio maschio di al-Ḥusayn ibn ʿAlī Al Hashimi, Sceriffo della Mecca, salirono al trono: 

  • Il secondogenito Abd Allāh divenne Emiro della regione a oriente del fiume Giordano e nel 1946 assunse il titolo di Re di Giordania. E’ l’antenato di Abd Allāh II;
  • Il terzogenito Fayṣal nel 1920 diventò Re di Siria e l’anno dopo Re dell’Iraq. Era il nonno di Re Faysal II. Oggi il Capo della Casa reale dell’Iraq è il Principe Ra'ad bin Zeid, figlio del Principe Zeid, quintogenito del sopraccitato al-Ḥusayn ibn ʿAlī Al Hashimi, Sceriffo della Mecca.

L’attuale Re di Giordania è il fratellastro della Principessa Haya, ex moglie dell’Emiro di Dubai: Haya è nata dall’unione tra Re Hussein e la sua terza moglie, la Regina Alia.