Venerdì 15 ottobre presso la Igreja da Memória a Lisbona, si è tenuta una solenne cerimonia di investitura dei Cavalieri e delle Dame del Sacro militare ordine costantiniano di San Giorgio. 

Quest’Ordine, fondato nel 313 d.C. dall’Imperatore romano Costantino I, è uno dei due più antichi al mondo insieme a quello dei Santi Maurizio e Lazzaro, facente capo a Casa Savoia. 

L’onorificenza è stata ereditata dall’Imperatore bizantino Isacco II Angelo, discendente di Costantino ed è rimasto legato alla nobile famiglia fino al 1698 quando il Principe Giovanni Andrea Angelo Flavio Comneno, ultimo discendente del Casato, lo ha concesso al Duca di Parma Francesco Farnese. Nel 1731 alla morte di Antonio, ultimo esponente dei Farnese, l’Ordine è passato a Carlo III di Spagna, consorte di sua nipote Elisabetta. Carlo è stato Duca di Parma e Piacenza dal 1731 al 1735 quando ha lasciato il trono ducale per quello più importante di Napoli. Da quel momento l’Ordine si è diviso in due rami: quello napoletano, il cui Gran Maestro è oggi Carlo di Borbone, Duca di Castro e quello parmense, che fa capo a Carlo Saverio, Duca di Parma e Piacenza. 

La cerimonia di investitura è stata presieduta dal reverendo Rui Manuel Sousa Valério, vescovo delle Forze armate portoghesi e capo cappellano della delegazione portoghese dell'Ordine Costantiniano. 

Tra i nuovi insigniti, il Duca e la Duchessa del Meclemburgo, i quali hanno ricevuto il titolo di Cavaliere e Dama di Gran Croce di Giustizia in riconoscimento alla loro devozione alla Chiesa cattolica. 

I legami tra la Casa Reale delle Due Sicilie e la Famiglia Ducale del Meclemburgo sono molto stretti: il Duca Borwin discende da Re Francesco I ed è quindi un lontano cugino del Duca di Castro. 

Alla cerimonia erano presenti Duarte Pio di Braganza, Capo della Casa Reale portoghese, accompagnato dal Principe Ereditario Alfonso, l’Ambasciatore del Marocco in Portogallo, rappresentanti dell’Ordine di Malta ed autorità religiose e civili.

Foto su questo link: https://blogrealmonarquia.blogspot.com/2021/10/investidura-de-novos-cavaleiros-da.html