PREGHIERA PER L'ITALIA


01 Jul

È un Antonio Rosmini, giovanissimo sacerdote di 26 anni, che rivolge questo desiderio a Dio, dal pulpito della Chiesa di San Marco in Rovereto. I suoi concittadini lo avevano pregato di stendere il panegirico per la morte di Pio VII, il papa che aveva tenuto testa a Napoleone e che egli aveva incontrato a Roma proprio nell’aprile 1823, quattro mesi prima che morisse. La preghiera all’Italia chiudeva l’omelia.


Quanto a me, per quell’incredibile affetto che a te porto, o Italia, o gran genitrice, innalzerò incessantemente questa devota preghiera all’Eterno:


Onnipotente che prediligi l’Italia,
che concedi a lei immortali figlioli,
che dall’eterna Roma per i tuoi Vicari governi gli spiriti,
deh! Dona altresì ad essa, benignissimo,
la conoscenza dei suoi alti destini,
unica cosa che ignora:
rendila avida di liberi voti e di amore,
di cui è degna più che di tributi e di spavento:
fa che in se stessa ella trovi felicità e riposo,
e in tutto il mondo un nome non feroce,
ma mansueto


Antonio ROSMINI

Panegirico alla santa e gloriosa memoria di Pio Settimo Pontefice Massimo, Eredi Soliani Tipografi Reali, Modena 1831, p. 131.


Da https://www.rosmini.it/objects/Pagina.asp?ID=318



21Oct
19Jul
Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.